Protezione della giustizia, mandato di protezione futura, esercizio dell’attività di mandatario giuridiziaro per la protezione delle persone

07/2019 

La legge n°1.474 del 2 luglio 2019 relativa alla protezione della giustizia, al mandato di protezione futura ed all’esercizio dell’attività di mandatario giudiziaro per la protezione delle persone, deriva dal disegno di legge n°958, votato dal Consiglio Nazionale il 24 giugno 2019 (a seguito della proposta di legge n°209 adottata il 28 maggio 2015).

Il legislatore ha perseguito l’obiettivo di “arricchire il diritto monegasco che, per ora, funziona principalmente attraverso la tutela, la quale costituisce una misura di rappresentazione, e della curatela, la quale costituisce une misura di assitenza”.[1]

E’ il linea con la raccomandazione N. R (99) del Consiglio dei Ministri agli Stati membri del Consiglio del’Europea sui principi relativi alla protezione giuridica dei maggiorenni incapaci, adottata il 23 febbraio 1999.

Le disposizione della Legge n°1.474 entrano in vigore decorsi 3 mesi dalla sua publicazione sul Journal de Monaco avvenuta il 5 luglio 2019.

 

La legge n°1.474, la quale modifica il Codice Civile, introduce due nuove misure di protezione:

• Protezione della giustizia

Questa misura di protezione giuridica di breve durata permette ad una persona maggiorenne di essere rappresentata per realizzare alcuni atti. È meno restritiva della tutela o della curatela, dal momento che la persona maggiorenne mantiene, in linea di principio, l’esercizio dei propri diritti.

• Mandato di protezione futura

La facoltà di designare in anticipo un mandatario, permettendogli di agire in nome e per conto del mandante. Il mandato non fà perdere alcun diritto o capacità giuridica al mandante.

L’esercizio professionale dell’attività del mandante è disciplinato dagli articoli 18 a 23 della Legge n°1.474 (condizioni fissate dall’Ordinanza Sovrana). Le persone che esercitano a titolo professionale le funzioni di tutore e curatore hanno 3 anni per conformarsi a detta Legge.

Inoltre, la legge modifica le disposizione del Codice Civile relative alla tutela e alla curatela, concernenti i maggiorenni e i minorenni.

[1] Commissione per i diritti della Donna e della Famiglia, Rapporto sul progetto della legge n°958, 13 maggio 2019, p. 2

 

 
velit, nunc ut fringilla ultricies pulvinar